Mag 28 2015

La rotonda vs. i lavori anti frana. Chi vince (agli occhi dei cittadini)?


Se ci pensate, talvolta è buffa la vicenda di amministrare. La rotonda (buon intervento, finalmente!) al centro dell’attenzione o comunque degli sguardi di tutti, oggi in costruzione in pieno centro alla confluenza tra Aurelia bis e strada lungo Teiro costerà circa 80.000 euro. E sarà ovviamente al centro dell’attenzione, con accanite discussioni sulla varietà dei fiori da porvi. Nel frattempo nell’entroterra sono in corso lavori di ripristino dei danni alluvionali per milioni di euro che impegnano le casse del Comune in modo severo e nulla è più “nascosto” nel senso che pochi, se non i residenti specifici, possono valutare i lavori e gli interventi.
Credo che sia un elemento su cui riflettere e cercare di essere informati per potere giudicare adeguatamente.

Nessun commento

Mag 26 2015

Passi in avanti


Varazze lo sappiamo non se la passa benissimo. Nel passato mi ha ricordato la vecchia signora che guarda il mondo cambiare dalla finestra del suo soggiorno: cambiava tutto ma in questa città abbiamo, anziché darsi da fare, si è preferito egoisticamente spremere il limone fino a quando c’era succo e poi…qualcosa sarebbe stato…Una mentalità fondamentalmente conservativa, mirante a gestire le risorse immediatamente disponibili con pancia piena e ben poco pensiero a proporre cambiamenti al passo con i tempi.
Proprio da ciò la città ha ereditato un ritardo strutturale pesante che in parte stiamo pagando ora con gli interessi. Ma su alcune cose gli sviluppi e i progressi sono stati rapidi e veloci nel recente periodo: ad esempio in pochissimo tempo Varazze è diventata la città sicuramente più attiva sul web/internet con immagini, siti di alta qualità che promuovono bene e in modo efficiente l’immagine della città. Spazi come “I like Varazze” ad esempio, gli stessi spazi social di Facebook e Twitter, Instagram gestiti dal Comune in poche settimane sono divenuti spazi che veicolano bene la promozione del territorio.
Ecco su questo, rispetto ai Comuni analoghi siamo molto avanti forse aiutati dall’obbiettiva bellezza di questo splendido territorio comunale che come sappiamo bene, va dal mare azzurro alla montagna imbiancata con panorami e bellezze mozzafiato.
Varazze sta diventando un laboratorio da rete web virtuoso, dove si scatenano alcune competizioni positive e un po’ di sana concorrenza che prima o poi bisognerà mettere a regime.
Bouldering, corse, passeggiate, fiere, surf, pattinaggio ed eventi in generale stanno arricchendo una comunità dove l’informazione questa volte positiva corre veloce e senza costi.
Bene così.

Nessun commento

Mag 25 2015

Se l’interruzione di Via Roma a Genova conta più di un dibattito televisivo su Sky


Sono i paradossi della politica o forse di una campagna elettorale agli sgoccioli dove in nervi sono tesi e la fatica si accumula. Resta il fatto che in vista di un faccia a faccia su Sky 24 che verosimilmente in Liguria potrà essere vista da non più di 10.000/20.000 e per altro visto soprattutto da addetti ai lavori e dunque difficilmente disposti a cambiare opinione sulla base di un faccia a faccia televisivo, si mobilitano le forze elettorali dei sostenitori chiamati ad essere presenti in piazza per sostenere “live” i propri candidati impegnati negli studi televisivi. A pochi metri da quella piazza, una delle vie centrali della città metropolitana e asse viario fondamentale, Via Roma, sarà chiusa per una settimana a causa di un piccolo cornicione pericolante.
Inutile spiegare che questo secondo elemento ha di gran lunga un maggiore impatto sul voto degli indecisi piuttosto che “l’epico” faccia a faccia televisivo che per quanto evocativo non cambierà molto sull’esito elettorale. Ma in questi casi la “tv” è la “tv”… e succede che nello svolgimento della strategia da parte di non esperti (o esperti dell’ultima ora) ci si concentri con tante energie e tempo su un obiettivo che non ha la “O” maiuscola.

Nessun commento

Mag 24 2015

Metti tre donne a fare politica. Riflessioni libere.

C’erano tre donne l’altro ieri sera sul palco del Kursaal Margherita. Era un incontro elettorale del PD. Presente anche il Sindaco che ha ricevuto il ministro della difesa Pinotti, e le candidate Paita e Rambaudi. Erano tutte e tre sul palco, le sole e alcuni hanno riflettuto su quanto sono cambiati i tempi. A me personalmente la cosa non mi colpisce affatto perché la reputo assolutamente scontata. Il vero motivo è che non vedo perché debba stupire la prevalenza del sesso femminile in politica come per altro viceversa.
Continuo a pensare che chi fa politica la fa per quello che dice, per quello che fa e come testimonia quando dichiara ma non per la sua sessualità. E le donne forse sono pure più brave.
Personalmente sono contrario alle quote di riserva per il sesso in quanto purtroppo non è il solo motivo di sotto rappresentanza politica: pensiamo ad esempio, ai soggetti sociali meno rampanti. Quanti operai, artigiani o casalinghe sono deputati o consiglieri regionali ad esempio? Quasi nessuno. Dunque partendo da una sottto rappresentazione di fatto, per essere coerenti occorrerebbe creare quote di garanzia anche per soggetti sociali importanti da sempre sotto rappresentati. Perché sempre per essere coerenti, si sceglie per le quote di garanzia solo il criterio sessuale e non quello sociale ed economico, elementi che nell’articolo 3 della Cost. hanno piena parità e rilevanza?

Nessun commento

Mag 23 2015

Il countdown dei rifiuti


Non è rimasto molto tempo per le decisioni sul nuovo gestore del sistema di gestione dei rifiuti urbani. Si seguiranno verosimilmente logiche di sistema cercando di scegliere tra aziende o consorzi che operano su aree territoriali extracomunali complesse, in modo da favorire le efficienze.
Scontato che nel giro di qualche mese si andrà verso una raccolta differenziata spinta con percentuali di riciclo oltre il 60-70%. Saliranno notevolmente anche i costi per quanto sostengano utopicamente gli esponenti del M5S; nuova politica dunque anche per la discarica che va a chiusura con un’Amministrazione che dopo 30 anni di gestione piuttosto oscura, mantiene la parola data.
Si innescheranno probabilmente anche economie di scala con qualche risparmio.
Va bene così.
Peccato però perché con un po’ di coraggio si potevano fare scelte più intelligenti, come ad esempio fanno in Israele e buona parte degli USA compresa Los Angeles (non proprio gli ultimi degli scemi), dove si raccoglie in modo indifferenziato il rifiuto urbano e si separa con impianti dopo. IL problema sarebbe stato però – perché siamo nel Paese dell’ipocrisia e della NIMBY – trovare un posto dove fare l’impianto di separazione e sarebbe stata una battaglia contro i mulini a vento.
Perché siamo fatti così: si a tutti gli impianti ecologici di questo mondo basta che siano fatti lontano da casa nostra.
Le tipiche italianate insomma.

Nessun commento

Mag 21 2015

La bomba “politica”


Vi ricordate che circa due mesi fa ce la siamo presa per una specie di messinscena che riguardava la bomba di aereo ritrovata ad Albisola capo? In quell’occasione fu interrotta la Liguria per mezza giornata provocando danni economici e sociali rilevanti a fronte di un pericolo reale molto molto basso. La sensazione era quella del meccanismo dello scarica barile burocratico secondo il quale è sempre meglio “abundare quam deficere” e così il cerchio di sicurezza si allarga sempre di più fino a diventare oggettivamente irragionevole e tale da procurare evacuazioni ed esodi biblici. In questo caso la Prefettura adottò un comportamento che andava in questo senso.
Il giorno stesso il Prefetto di Genova annunciò che la bomba ritrovata nel porto di Genova non avrebbe portato ad evacuazioni, riducendo al massimo il disagio.
Era una velata sconfessione dei criteri adottati ad Albisola oggettivamente esagerati.
Due settimane fa su tutti i tg locali RAI compresa, l’annuncio “urbi et orbi” che si sarebbe evacuata mezza Genova, chiuso porto, aeroporto, ferrovie, sfollate decine di migliaia di persone compreso mezzo centro storico: una follia logica prima ancora che tecnica calcolando il modestissimo pericolo di una bomba dal potenziale quasi nullo oramai.
Oggi l’annuncio che non si evacuerà nulla.
Forse qualcuno ha fatto ragionare la burocrazia dello scaricabarile.. bloccando il meccanismo infernale secondo il quale si aggiunge sempre una “problematicità”.
La bomba è diventata “politica” nel senso buono del termine…

Nessun commento

Mag 20 2015

Una sera qualsiasi in Via Campana


Ieri sera. Ore 18. Via Campana. Agli angoli 4 ragazzi distanziati casualmente da pochi metri, tutti ragazzi giovani ospiti in quanto richiedenti “asilo politico” ma in realtà lo sappiamo tutti profughi per motivi economici. Ragazzi sorridenti, ben vestiti obbiettivamente, tutti e quattro al telefono cellulare mentre parlavano (con auricolare un paio) in lingue ovviamente per me indecifrabili. Lo dico senza retorica: stavano bene, rilassati e mi parevano anche felici (non è un reato). La cosa non mi disturba, anzi.
Ho pensato però che nelle more della finzione di chiedere asilo politico (tra due anni avranno una risposta, senza per altro avere alcuna certezza da dove davvero arrivano in quanto le dichiarazioni e le identità non sono verificabili) forse sarebbe corretto chiedere loro almeno un contributo per la Comunità che li ospita e non solo su base volontaria.
Credo risponda a un criterio morale e anche di rispetto per gli stessi membri della Comunità che li ospita e che offre loro (male o bene non lo so, comunque servizi sanitari, scolastici e di ospitalità direi più che decenti rinunciando a proprie risorse). A me pare doveroso.
Non farlo e non porre seriamente la questione mi pare una vittoria dell’ipocrisia di cui questo Paese straborda e che non porta a nulla, nel giorno in cui anche il presidente socialista francese Hollande (noto esponente della destra) parla chiaramente che occorre distinguere nettamente tra chi chiede asilo per motivi di guerra o politici reali e chi invece lo fa per motivi esclusivamente economici aggiungendo che questi secondi devono essere respinti perché non può essere questa la soluzione.

Nessun commento

Mag 18 2015

Lo strano caso del sindaco “ecumenico”

Ieri il saluto all’inizio dell’evento della Lega nord con Salvini, forse oggi un medesimo saluto all’evento del M5S non senza essere stato presente ad incontri del PD e immaginiamo prima o poi di Forza Italia. Certamente la cosa appare un po’ stravagante. Il piede in 10 scarpe? Conta ovviamente anche che cosa si dice. Se si va (quando invitato) come sindaco a ricordare a tutti di ricordarsi di Varazze e della riviera del Beigua in quanto a capo di un’Amministrazione governata da una lista civica non partitica ci può anche stare. Se si va a dire quanto “siete bravi” beh allora sarebbe ipocrisia politica con le gambe molto corte.
Pensiamo che il sindaco si sia attenuto alla prima ipotesi che è una scelta, criticabile pur sempre una scelta che forse vuole anche ricordare che al di là dei partiti ci deve essere una responsabilità di fronte ai problemi per i quali, legittimamente, i partiti politici propongono le loro soluzioni.

7 commenti

Mag 17 2015

Verso la piena autonomia della CRI di Varazze. Per questo bisogna aiutarla ancora di più. TUTTI insieme!


In questi giorni credo sia arrivata a tutti una lettera scritta dal presidente varazzino della CRI, Mario Venturini. Chiede un aiuto straordinario per potere acquistare due nuove ambulanze di nuova generazione. Inutile che ricordi che servono e serviranno per SALVARE delle vite umane. Servono anche ad aiutare la nostra CRI che con la riforma dell’ente a livello nazionale, opera a livello finanziario in piena autonomia. Questo in soldoni significa che i soldi che i varazzini daranno alla CRI di Varazze rimarranno a Varazze.
Ciò naturalmente nel bene e nel male: se non sapremo essere generosi avremo un’assistenza scadente, con mezzi vecchi e non potremo che prendercela con noi stessi, ivece se come i varazzini sanno essere quando c’è veramente bisogno, saremo generosi, avremo una assistenza moderna, fatta con mezzi all’altezza.
Dipendo SOLO da noi.
Qui sopra (per chi non lo sapesse) come contribuire per la CRI di Varazze. Non ci sono scuse.

Nessun commento

Mag 16 2015

Da Varazze di Sera alle strisce colorate


Ieri sera ho partecipato alla “Varazze di Sera” una delle più anziane e prestigiose gare podistiche della Liguria. Per altro una delle più belle perché si corre lungo la passeggiata Europa con partenza dal palazzetto dello sport. Credo 600 partecipanti o giù di lì, e come sempre tanta passione e sacrificio per chi si assume l’onere di organizzare una manifestazione sportiva (la famiglia Bassafontana ma anche tanti, tantissimi volontari davvero splendidi, Silvio Astaldi per nominarne uno). La sensazione è che quasi qualunque cosa fatta qui, se contornata da attenzione, cura e buon senso registra un successo di partecipazione davvero notevole e questo fa come sempre pensare alle potenzialità del luogo.
Sarebbe bello allora organizzare qualche gara di fit walking che tante persone fanno giungere dal nord Europa pensando ad Arenzano che su questo evento ha costruito un piccolo “impero” con la MareMonti; perché non costruire con loro altri eventi, magari più piccoli ma più numerosi ovviamente coinvolgendo proprio l’Atletica Varazze e spendendo qualche soldino per altro ben speso?
Ho anche proposto all’assessore al turismo di allestire le strette strade pedonali che partono da Varazze e vanno verso le frazioni con una striscia di colore diverso che faccia da guida e proporle come camminate salute ai bagnanti pigri e alle signore che vogliono tenersi in forma magari prima di passare una giornata al mare.
Vantaggi?
Costi di allestimento minimi, comodità perché partono tutti dal centro città, brevità perché sono 30/50 minuti di camminata al massimo, facilità di organizzazione perché basta una cartina e poi seguire le strisce colorate, spettacolarità perché si arriva sempre in un punto sopraelevato e panorami mozzafiato, utilità perché fa scoprire angoli del territorio che i turisti pigri neppure conoscono. A me pare una buona idea. A voi?

Nessun commento

Pagina successiva »