Archive for Novembre, 2012

Nov 30 2012

Oggi “compiamo” 80.000 visitatori unici in un anno!

Quasi 80.000 visitatori unici in un anno. Tantissimi perchè è un sito che parla volutamente e solo di ciò che accade in una città di 14.000 abitanti.

Abbiamo iniziato il 29 novembre scorso senza alcuna pretesa se non raccontare pensieri e riflessioni su questa perla della Riviera, forse a dire la verità, un pò trascurata,.

Non ce lo saremmo mai aspettati di coinvolgere quasi 80.000 lettori unici. Fa piacere perchè è confortante che ci siano tante persone che sono interessate alla città e che le vogliono bene.

Grazie allora a voi tutti lettori appassionati e non, che hanno comunque voluto sapere qualcosa in più (o di diverso) su Varazze.

Abbiamo cercato di esserci, pungolare, criticare, sollecitare senza scopi diversi che cercare di migliorare. Non sappiamo se ci siamo riusciti ma  il solo fatto che tante persone abbiano letto e pensato (in meglio) sulla città è davvero una bella cosa. Se vorrete potremo continuare l’avventura.

Grazie a tutti!

 

2 commenti

Nov 29 2012

Il turismo della lampada (in mano)

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

Passeggiata Europa: buia come al solito dopo un pò di pioggia. In questo mese è stata più al buio che illuminata. Stasera di nuovo per  quasi 1 km. all’altezza della Baia del Corvo. Certo ieri ha piovuto…è vero non ci pensavamo!

Ora però bisognerebbe capire: se ogni volta che piove saltano dei pezzi di rete di  illuminazione, evidentemente le colpe possono essere:

a. del progettista / ingegnere

b. delle ditte che non più di 5 anni fa hanno fatto degli impianti elettrici nuovi

Suggerimento: magari verificare e chiederne ragione …no.. ? Ma se vi saltasse la corrente in casa ogni due giorni, l’elettricista lo chiamereste o no per sapere che cavolo ha combinato? Oppure continuereste a chiamarne un altro per riparare i danni?

Intanto continuiamo così con questo inno alla qualità e magari in attesa di tempi migliori mettiamo un bel cartello all’inizio della passeggiata: “Pregasi munirsi di torcia elettrica“.

p.s. la sbarra di notte resta sempre aperta contrariamente a quanto decretato dalle ordinanze del Sindaco. Evidentemente chi ha le chiavi di accesso (chi, quanti sono, perchè? non lo sa nessuno….) lascia aperto proprio come si gestisce la claire del garage di casa.

Commenti disabilitati

Nov 28 2012

Verso i 100 litri di acqua per metro quadrato

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari

Questo ciclone novembrino porta con sè un piccolo record (temporali autorigeneranti a parte). Quasi 100 mm di pioggia in 24 ore ovvero 100 litri di acqua per metro quadrato. Per rendere l’idea se abitate in un appartamento di 100 metri quadrati senza tetto (…), vi trovereste circa 10.000 litri di acqua in casa!

Il terreno seppure fradicio tiene, anche se saranno quasi inevitabili smottamenti e piccole frane nelle prossime 24/36 ore  perchè il terreno è  zuppo di acqua e non assorbe più nulla.

Buono anche il lavoro del CMIRL dell’Arpal anche se gli stessi con Varazze hanno e avranno sempre la coscienza sporca per il pessimo servizio reso il 4 ottobre 2010. Consiglio a chi avesse interesse per l’argomento il sito del LIMET un’associazione di appassionati liguri di meteorologia che nel comparto dedicato alle previsioni (area “Forum “sotto cartella “nowcasting”) danno un servizio davvero eccezionale.

 

 

 

 

 

Commenti disabilitati

Nov 27 2012

Fort Apache 2: arrivano i danni

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari,Varazzate

L’assedio continua. Dentro il “fortino” solo i servizi vitali per una comunità: CRI, VV.F., Protezione civile… e fuori i costruttori di immobili per milanesi (legittimo eh ben inteso, hanno aspettato 10 anni tra permessi e carte varie).

Tutti hanno fretta meno la Giunta comunale che si è dimenticata di trovare un tetto a questi servizi secondari…Talmente fretta che ieri hanno danneggiato una finestra dell’edificio della CRI nell’ambito delle demolizioni “chirurgiche”. Polvere ovunque, sembra un bombardamento (anche questo chirurgico ovviamente).

Mentre tutto in Viale Nazioni unite tace. Silenzio assordante. Probabilmente stanno meditando di metterli sotto qualche tenda CRI & C. Oppure giocano a stecchetto per vedere chi deve comunicare che si sono dimenticati di trovare un poste decente e moderno alla Protezione Civile e alla CRI ?

Commenti disabilitati

Nov 27 2012

Fort Apache: CRI e VV.F. assediati dalla T1 che avanza

I lavori per gli appartamenti e il nuovo complesso immobiliare avanzano velocemente e oramai la sede dei servizi del tutto secondari come CRI e Vigili del Fuoco nonchè Protezione Civile rimangono lì come a Fort Apache. Quasi un simbolo: dentro gli interessi di una Comunità e fuori gli assedianti, i legittimi interessi privati immobiliari che in un mondo normale dovrebbero venire un po’ dopo quelli pubblici.

Rimangono lì in attesa da circa 4 anni che l’Amministrazione civica decida qualcosa di utile ma ad oggi così non è stato. Ridotti a fortino tra ruspe e gru mentre difendono il  diritto ad avere servizi di pubblica utlità. Sì perchè dopo tutto si puo’ aspettare. Perchè no?

Ricordatelo agli amministratori comunali e chiedetegli magari, se non siete timidi, se non si vergognano almeno un po’.

4 commenti

Nov 26 2012

Primarie a Varazze

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti

Concluso il primo round delle primarie della sinistra a Varazze con risultati che potremmo definire “standard” nel senso che hanno rispettato punto più punto meno l’assetto dei dati provinciali senza allontanarsi molto dai dati nazionali. A Varazze Bersani è arrivato alla soglia del 50% contro un 36% dei sostenitori di Renzi. Non sono previsti grossi stravolgimenti nell’ambito degli assetti locali per altro piuttosto frammentati e volubili. Questo dato potrebbe agevolare il tentativo di costruire un’alleanza moderati/sinistra ma la cosa dovrà concretizzarsi, come altre ipotesi, sulla base delle cose da fare e sopratutto sul come farle.

L’esperienze dei programmi “promesse a tutto spiano.. intanto non costa niente!” speriamo sia davvero finita.

E ora il ballottaggio, domenica prossima.

Commenti disabilitati

Nov 25 2012

Sempre in ritardo…

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari,Varazzate

Sempre in ritardo Signor Sindaco. Sempre quando le vacche sono già scappate dal recinto delle opportunità perse. Aspetta sempre che i problemi maturino e abbiano preso la discesa così siamo sicuri che non si possono più fermare a maggior ragione dall’alto di un’Amministrazione sempre più debole e screditata. C’è voluta la reazione di un consigliere, il consigliere Franzone per svegliarla da un torpore che ha tutto l’aspetto si assoluta passività e remissività roba che non si attanaglia neppure ad un “umanista” pacifico..

Andrebbe così, in carrozza come al solito,  se poi a rimetterci non  ci fossero gli anziani di Alpicella, Faie ecc. Ora farà la voce “grossa” ma forse doveva darsi da fare prima anche perchè la chiusura degli uffici postali ha colpito durissimamente Varazze e molto meno altri Comuni di cui evidentemente le Poste hanno un pò più di timore per reazioni amministrative significative.

Quì a Varazze  invece sempre proni ai poteri “forti”. Da queste parti pure le scalcagnate Poste Italiane sono un gigante da temere. Mi raccomando che così si fa parecchia strada.

2 commenti

Nov 22 2012

La passeggiata che si scioglie. A Cogoleto e Arenzano se la ridono.

Pubblicato da archiviato in Varazzate

All’epoca della posa del fondo della Passeggiata Europa nel 2008 abbiamo voluto fare gli alternativi. Si è optato per un fondo “green” fatto di asfalto ecologico (?) e una resina naturale.

Garanzia 2 anni. Dopo esattamente due anni la resina con pioggia e sole si è sciolta e l’asfalto green di sta disfacendo alla velocità della luce.

Risultato: impossibilità già oggi di usare pattini, inizio di buche e deterioramento sopratutto nella parte iniziale, quella più frequentata. Prospettive senza soldi: ulteriore degrado. Ad Arenzano e Cogoleto non hanno fatto gli “alternativi” e hanno messo dei “banali” autobloccanti: sì certo non belli come il nostro asfalto “green” ma eterni, indistruttibili e senza buche di sorta.

p.s. chi paga questa scelta assurda?

Commenti disabilitati

Nov 21 2012

Pero, Casanova, Alpicella: strike!

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti,Argomenti vari

 

Poste Italiane è una società privata che però fornisce un servizio pubblico in condizioni di assoluto monopolio. Tradotto: fa quello che vuole. Prende i benefici di essere una S.p.A. e i benefici e le indulgenze di svolgere un servizio vitale per la società e la Comunità.

Esempio: fissa la sede come a Varazze in un posto assurdo, con zero parcheggi infischiandosene dell’utenza ,il tutto per motivi oscuri, ma pretende di chiudere le sedi che non gli rendono esattamente come farebbe Mc Donald o Calzedonia. Ottiene le strisce pedonali davanti all’entrata, ottiene senza per altro chiederle le indulgenze da parcheggio selvaggio ecc ecc.

C’è qualcosa che non va in questo gioco e il Comune assiste passivamente anche alla fase due ovvero la chiusura d’imperio di tutte le sedi decentrate storiche sparse sul territorio enorme del Comune di Varazze. Ne viene meno un servizio essenziale per le frazioni e il Comune non fa nulla di concreto senza alcun SERIO tentativo di opporsi concretamente e fattivamente. Il pensiero va alla transazione dopo il contenzioso tra Poste Italiane S.p.A. e Comune a seguito dell’incredibile vicenda delle Boschine (sede scelta e poi abiurata da parte delle Poste). Vuoi vedere che…

Commenti disabilitati

Nov 20 2012

Sala pubblica. Panico e consigli per l’uso.

Pubblicato da archiviato in Varazzate

Neo sala comunale per riunioni pubbliche costruita con gli oneri di urbanizzazione per la costruzione dei box vicino alla Chiesa dell’Assunta.  Una sala utile perchè di dimensioni ridotte rispetto a quella del Palazzetto dello Sport. Cento  posti circa, molto utile per le riunioni dell’associazionismo locale, piccole conferenze, presentazioni di libri ecc.

Pronta. Bene. Ora (non era il caso di pensarci due anni fa, no eh?) è pronta per essere utilizzate e gestita.

Chi ci pensa? Panico in Comune. “Mannaggia non ci avevamo proprio pensato!”. Ecco allora muovere le prime azzardate mosse: il Sindaco, no anzi.. si.. volevamo dire l’assessore Carletto notoriamente in possesso delle deleghe in questione (Urbanistica) fa i primi approcci. Doppio panico. Sbando totale. Vigili urbani mandati ad aprire, chiudere. Il delirio.

La proposta la facciamo allora noi così magari si potrebbe copiare (o criticare per carità, sempre che ci si riprenda dal panico..): prendete 7 associazioni locali disponibili a gestire la sala in cambio dell’utilizzo periodico (spese vive escluse) e assegnate  X giornate (facciamo 7-10?) al mese che devono invece essere rese disponibili a chi richiederà la sala previo piccolo pagamento delle spese vive (e assicurazioni varie).

In questo modo date casa a un pò di associazioni locali, vi assicurate una gestione puntuale e date un servizio pubblico a chi vuole disporre di  una sala riunioni  pubblica. Non è difficile. Davvero.

 

Commenti disabilitati

Pagina successiva »