Archive for Marzo, 2015

Mar 31 2015

Se la rotonda arriva

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari,Spazio Aperto


Pare che sia la volta buona. La rotonda orami mitica, quella posizionata all’incrocio tra la Statale per Acqui e l’Aurelia bis in pieno centro, studiata in molte pubblicazioni specializzate quale “perfetto esempio dello stile Beirut post guerra civile” pare dopo alcuni anni di sperimentazioni e fiduciosa attesa avere i giorni contati. Forse una trentina e poi sarà oggetto dei lavori di rifacimento con un look e una funzionalità degna di una città che vuole presentarsi in modo accettabile. Non si tratta di lavori particolarmente complessi o lunghi e dunque dovrebbero terminare di 4 o 5 settimane. Era un punto elettorale della nuova amministrazione comunale e attendiamo con curiosità.

Commenti disabilitati

Mar 30 2015

Eclissata

Pubblicato da archiviato in Varazzate


Affamata. Divorava le brioche una dopo l’altra (due alla crema e una al cioccolato). Non ha proferito parola. Andava di corsa anche se dubito che qualcuno sappia dove. Caffè e brioche dalla pasticceria dal “1929″. Ha stranamente due o tre giornali sotto braccio probabilmente “presi in prestito” in qualche altro bar.
Stamattina è stata dura. Scuoteva la testa e ha farfugliato qualcosa, poi la voce di è alzata improvvisamente e ci ha spiegato con le solite belle maniere che “non ci siamo proprio… nella prima domenica c’era tanta gente ma Vaze pare Beirut dopo la guerra civile….strada abbandonate, segnaletica inesistente, maceria, case diroccate, strisce e parcheggi a fantasia. Ci ha anche spiegato che nella zona della Mola e del Cavetto la tirano ancora un po’ tra un mese si intasa tutto…Ci ha illuminato pure su una teoria per la quale se la città è in ordine la gente la lascia in ordine ma se si trova un macello…la lascia peggio…!”. Che abbia ragione? effettivamente se ci pensate…. Poi ha chiuso la porta. Prima però ha farfugliato qualcosa sullo smog: “se non mettono un po’ di ordine e riducono il traffico di auto qui ci fanno vivere in una camera a gas…c’è puzza di scarichi ovunque altro che primavera. Il turismo moderno è un’altra cosa che infarcire una città turistica di auto puzzolenti”. Scomparsa alla velocità delle luce. Avrà risentito della recente eclissi solare? Boh…

Un commento presente

Mar 28 2015

Cantieri ex Baglietto: produzione integrata meglio nel tessuto urbano

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


I cantieri ex Baglietto hanno un nuovo proprietario. Dopo 5 anni (tempi comunque inaccettabili in qualunque Paese civile che non sia l’Italia) di un percorso lento e tortuoso si è concluso con l’assegnazione ad una società del settore specializzata in rimessaggio e manutenzione di barche e yacht. La notizia positiva è che l’impegno formale è quello di assumere il personale che era rimasto in cassa integrazione (14 ci pare) ma allo stesso tempo il cantiere dovrà essere un elemento integrato nel tessuto urbano della città. Chi ha preso il cantiere sa che non ci saranno ripensamenti per elargizioni con commutazione di volumi in abitativo e dunque si può e si dovrà fare solo cantiere navale. Questo ovviamente non esclude il fatto che gli stessi edifici dovranno essere rivisti, riammodernati, resi più fruibili ed anche integrati con le esigenze di una città che tenta di diventare più bella e moderna.

8 commenti

Mar 27 2015

Meno di 100 dipendenti e 4 persone nell’ufficio personale: segnale di chiara inefficienza

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


Quattro dipendenti distaccati all’ufficio del personale di per sé non sono un elemento significativo. Lo diventa però nel momento in cui i dipendenti dei quali devono occuparsi, sono poco meno di 100. Uno ogni 25. Un rapporto imbarazzante che non è oggettivamente accettabile. Spendere oltre 120.000 all’anno per un gestione interna di procedure oramai altamente informatizzate pare un oggettivo spreco di denaro pubblico. Si tratta di un elemento che dovrebbe balzare agli occhi e che merita un immediato intervento di razionalizzazione. Per fare un passo in più la questione riguarda anche la Pianta organica del Comune, vecchia di 20 e più anni che non può aspettare ancora mesi per un rinnovo urgente. Tuttavia questo elemento oggettivo, non pare giustificare in alcun modo un ufficio del personale di proporzioni elefantiache.
Altro discorso ancora è capire con quale efficienza lavora.I numeri paiono parlare da soli e la cosa non ci toccherebbe più di tanto se i costi non fossero a carico dalla comunità locale.
Risparmiare significa non solo “risparmiare” ma anche poter dirottare i soldi non spesi per altri servizi e funzioni.

Commenti disabilitati

Mar 26 2015

Dirigenza: ci vorrebbero i normali avvicendamenti

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


Molti dirigenti sono preparati, altri come in tutte le strutture lavorative meno. Il problema, almeno in _Italia, dove la cultura di una seria verifica del lavoro svolto a livello di managerialità pubblica rimane latitante, non è paradossalmente questo.
Occorre piuttosto riflettere se abbia un senso reale la permanenza di un manager pubblico, quali sono i dirigenti comunali, per 30 anni e più nel proprio ruolo sempre nello stesso Ente. La risposta non può che essere negativa. Vengono a mancare inevitabilmente stimoli, necessità all’aggiornamento e ad acquisire competenze nuove e porta piuttosto ad attivare comportamenti di routine od euristici . Si tratta di un meccanismo inevitabile, assolutamente umano. La mia specializzazione presso quella che è la Normale del diritto ovvero l’Istituto Sup. di Studi S.Anna di Pisa qualche piccola competenza me l’ha data: personalmente il mio giudizio tecnico è che il Comune vada rinnovato anche su questo versante perché segnato da un’impostazione che necessità di nuovi elementi operativi.
Ovviamente il problema non è solo lì ma anche nella struttura della macchina comunale che tuttavia dipende anche (non solo) dalla manangerialità interna.

3 commenti

Mar 24 2015

Ex Baglietto: Galantini dove è finito? Avrà fatto la fine del travel?

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


Ricordiamo tutti l’annuncio in pompa magna del rag. Galantini sulla gru travel in viaggio da La Spezia verso i cantieri di Varazze per riprendere da lì a poco la produzione. Un anno fa circa o forse più. Il travel secondo me è stato rubato da una gang specializzata di rumeni perché non si è mai visto. Ora dopo la mega assemblea davanti ai lavoratori per presentare le offerte si attendeva lunedì passato per avere il grande responso del liquidatore Rag. Galantini ovvero su quale ditta si sarebbe aggiudicato il cantiere.
Silenzio.
Non vola una mosca.
Galantini (dopo 5 anni di tira e molla infiniti e ci sarebbe da chiedersi davvero con quali capacità oggettive dimostrate sulla vicenda) sarebbe, perché il condizionale è d’obbligo visto l’attendibilità pregressa degli annunci nel passato, per emanare il suo verbo. Siamo a 48 ore di ritardo verosimilmente per un ritardo nella consegna della raccomandata A.R. ma aspettiamo comunque fiduciosi.
Più o meno come continuiamo ad aspettare fiduciosi l’arrivo (imminente?) del travel partito solo 12 mesi fa dall’altra parte del mondo (La Spezia).
Varazze non è che qualche volta sia proprio fortunata però.
Di manager ce ne sono davvero tanti a questo mondo e alcuni sono pure bravi.

4 commenti

Mar 23 2015

Scuole Primarie di Varazze: non ci siamo proprio

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti

Furti a ripetizione, no telecamere, no allarmi.
Cancelli rotti da mesi, gabinetti al limite di utilizzo.
Sapone da casa, fazzoletti e carta igienica idem (le tasse che paghiamo a cosa servono?).
Non ci sono assicurazioni indispensabili sui materiali.
Così non ci siamo proprio.
Se era ed è una priorità politica per questa maggioranza (come è stato scritto) devono esserci anche i soldi a discapito di altro.
Punto.
Non ci sono scuse.

2 commenti

Mar 21 2015

Domenica un momento magico: passa la Milano-Sanremo

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari


Carlo Delfino è uno dei più importanti storici del ciclismo italiano e conosce vite, morte e miracoli della corsa ciclistica più bella del mondo (e di gran lunga): la Milano-Sanremo. Quando lo incontri ti coinvolge inevitabilemente e di attacca la malattia della milanosanremite. Non è grave ma quando la contrai non va più via. E’ la passione e l’irrequitezza che si sente avvicinandosi a “quel” giorno, quello della Milano-Sanremo. Seguita da centinaia di milioni di telespettatori in tutto il mondo domenica andrà in scena un evento sportivo che ancora oggi per i liguri di ponente e per i varazzini in particolare, patria adottiva di Coppi, vuole dire tradizione di scendere ai bordi dell’Aurelia ed essere parte di qualcosa di mesterioso e imprevedibile che è parte della leggenda ancora prima dello sport. Una gara senza un perchè, assurda per certi versi ma che ti lascia con il fiato sospeso dopo sette ore di corsa che taglia come una saetta alcuni dei luoghi più belli del mondo. LA corsa verso le 14.00 passa anche a Varazze e migliaia di persone l’attendono come tradizione impone. Pochi secondi e passano lanciati dai Piani d’Invrea ma è bello lo stesso perchè è sempre comunque emozionante.
Passano e con loro arriva la bella stagione. Ti senti diverso e capisci di fare parte anche con la tua Varazze di uno spaccato di mondo che mezzo mondo si vede accontentare di vedere solo in tv.

Commenti disabilitati

Mar 20 2015

Vandalismo in stazione e non succede nulla…o quasi

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


Tutto succede martedi pomeriggio alle 16,30 all’uscita degli allievi di un istituto di formazione locale piuttosto “turbolento”. Evidentemente Varazze ispira oppure la certezza dell’impunità e l’ignoranza fanno il resto. Di certo rimane la stazione ferroviaria deturpata da scritte idiote e inutili che non fanno intravedere un benvenuto di qualità al turista di turno. Ovviamente telecamere del luogo (non comunali) rotte e nessuno si accorge di nulla.
Comincia a venire il dubbio che a Varazze qualche problema ci sia davvero e forse sarebbe il caso di cominciare a lavorare per avere più coordinamento , più telecamere e più controllo del territorio.

Un commento presente

Mar 19 2015

Rimandata l’iniziativa “quattro città e mille colori!” al 28 e 29 marzo!

Pubblicato da archiviato in Argomenti vari


CAUSA CONDIZIONI METEO AVVERSO L’INIZIATIVA E’ STATA RIMANDATA AL 28 E 29 MARZO
Celle, Varazze, Albissola marina e Albisola Superiore nel fine settimana vivranno una splendida iniziativa coordinata per promuovere il commercio e il turismo nel levante savonese. Le iniziative coordinate dalle associazioni di commercio aderenti a Confcommercio, in collaborazione con le amministrazioni comunali dei quattro comuni organizzeranno per il week end che coincide anche con la festa della Milano Sanremo tantissime iniziative davvero belle e intelligenti. Soprattutto è il segno che tutti hanno finalmente capito che occorre lavorare insieme e i Comuni della Riviera del Beigua su questo, per i motivi detti mille volte su questo blog, hanno davvero una marcia in più da sfruttare assolutamente. Speriamo davvero sia solo l’inizio…!

2 commenti

Pagina successiva »