Feb 20 2017

Una “normale” domenica di caos

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


Fine febbraio. Meteo favorevole. Come una piccola alluvione la città si riempe di auto, persone e caos. Focaccerie e gelaterie prese d’assalto.

Parcheggi esauriti in pochi minuti. Alle 16 il vento di mare fa il suo corso e in pochi minuti l’aria diventa fredda e umida, mentre il cielo diventa scuro. Contro esodo. Tutti in auto in partenza per la Pianura o per Genova. La città “turistica” si svuota in poco meno di un’ora. La sensazione del turismo mordi e fuggi che coinvolge oramai in pieno Varazze è palpabile. Alle 18.00 buona parte dei parcheggi a pagamento sono vuoti. I vicoli semideserti. La prima domanda che uno si fa e se questo turismo per quanto utile, possa essere sostenbile alla lunga, sopratutto con questi modi e senza strutture adeguate (che non vuole dire costruire parcheggi all’infinito ovvero a richiesta del mercato della mobilità in auto). Poi, si pensa agli alberghi, presumibilmente mezzi vuoti o chiusi e ci si chiede se è possibile strutturare un turismo almeno in parte diverso, prima che sia troppo tardi e Varazze diventi una Las Vegas dei poveri (tranne che per pochi e per poche settimane all’anno).

Perchè essere condannati fino a settembre inoltrato, a fare da meta per assalti, sarà anche stimolante ma certo non pare un obiettivo dignitoso per una grande decaduta del turismo ligure. Eppure, le soluzioni ci sono. Sono state indicate, ad esempio, nel novembre scorso dal dott. Bruno, esperto a livello nazionale di marketing, che ha perfettamente indicato la strada e le strategie concrete e immediate per cambiare questo andazzo che vede la città preda di un turismo “botta e fuggi” sempre più nevrotico e isterico. Il dott. Bruno (che ha svolto il suo lavoro gratuitamente), ha spiegato quali sono le strategie e come Varazze si deve muovere. Tuttavia, da quel giorno è calato il silenzio e il disinteresse. Ci si chiede il “perchè”. Le risposte sono tante, tutte possibili ma certamente poco comprensibili: troppo ricchi per rischiare? Troppo rassegnati per crederci? Incapaci di mettere insieme progetti moderni degni di questo nome? Amministrazione incapace di coordinare? Tutto possibile. Di certo ci sono le faide degne di un paesino della Corsica centrale, dove a farsi male reciprocamente c’è più gusto.

Per ora dunque, teniamoci questo turismo da focacciari (con tutto il rispetto ovviamente di chi fa l’arte nobilissima del panificatore) e da cono gelato da 1,5 euro (idem). Perchè alla fine da Varazze si pretende un bel monolocale o bilocale a prezzi accessibili, un bel posto auto e poco altro.

Già, perchè alla fine va bene a tutti così. Tranne alle famiglie che cercano posti di lavoro in un’economia seria, strutturata e dinamica. Per quella passare il prossimo secolo.

Commenti disabilitati

Feb 06 2017

Sulla sanità e sul S.Paolo

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti

(foto cortesy IVG.it)
Tema spinoso. Quando facevo il master in gestione sanitaria al S.Raffaele di Milano, mi spiegarono che tutti noi vorremmo l’ospedale sotto casa e il migliore possibile. Giusto. Però non è possibile. In sanità, oggi i centri medici per cure importanti devono essere grandi e iperspecializzati. Una volta un politico raccolse firme per difendere un piccolo ospedale di vallata nel genovese e tutti i cittadini firmarono; poi chiese la firma per impegnarsi a farsi ricoverare lì invece che andare al S.Martino e nessuno firmò. Perchè? Perchè per le cure “importanti” nessuno guarda la vicinanza ma l’efficacia giustamente e 50 o 100 km in più per avere cure all’avanguardia non spaventano nessuno. Bisogna essere CONCRETI. Per latro il S.Paolo non potrà mai essere DEA di 2° livello per ovvi motivi che tutti gli addetti ai lavori conoscono (e che non sto qui a illustrare). Prentenderlo è illudere la gente. Altra cosa prentendere invece che il S.Paolo sia un buon ospedale, molto meglio di quello che è oggi. Il S.Paolo di Savona ha subito negli anni un veloce decadimento qualitativo nel suo complesso e il flusso di “fughe” verso altri nosocomi è consistente. Dati alla mano. Io mi concentrerei di più sui motivi di queste costanti inefficienze, sul verificare quali e quante competenze manageriali serie vi hanno operato e come anzichè raccogliere firme per una cosa ovvia (avere un ospedale di qualità). Non basta raccogliere firme. Se il sindaco e i suoi colleghi d’ambito (ASL2) che siedono nel comitato dei sindaci, vuole essere attivo sul tema della sanità, faccia, proponga e sarà lavoro ben fatto. Raccogliere firme? Bello ma a cosa serve concretamente?
Fossi nel Sindaco mi concentrerei molto di più nell’avere un centro di primo intervento a Varazze, ovvero un centro “Varazze salute” come proposto dall’associazione “Azione Popolare” piuttosto che in “battaglie” senza sbocchi concreti a suon di firme. Varazze fino a pochi mesi fa era la terza città della provincia (oggi quarta) ed è l’unica sopra i 10.000 abitanti a non avere un centro salute dove i cittadini possano andare per cure non urgenti ed esami diagnostici di livello senza perdere giornate a Savona o Genova.
Queste sono le esigenze della città, più che firme (contro le quali non ho nulla anzi…)

2 commenti

Gen 31 2017

Un varazzino ai vertici della Marina militare

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti

passeggiata europa
A Varazze non lo conoscono in molti perchè per la sua professione ha sempre girato l’Italia e il mondo. Si chiama Maurizio Ertreo e oltre che essere varazzino, è ammiraglio della Marina militare. E’ divenuto da pochi giorni Capo di Stato Maggiore al Comando della squadra navale italiana a Roma, un incarico importantissimo, spesso anticamera di ruoli di assoluto vertice. Si aggiunge alla lunga lista di marinai e uomini di mare illustri che da Varazze hanno preso la lunga strada di esperienze e carriere tanto affascinanti quanto difficilissime. Da Lanzaroto Malocello in poi.

Ertro è stato anche alcuni anni negli USA come addetto navale all’Ambasciata italiana oltre a ricoprire altri ruoli primari come ad esempio quello di Comandante dell’Accademia navale di Livorno. Grandi professionalità dunque, che rafforzano il legame bimillenario tra la città che è un autentico pezzo della storia della marineria mondiale e il mare stesso. Rapporto duro, qualche volta spigoloso come la gente che abitava queste rive, ma legato da un collegmento diretto, un comune sentire le cose del mondo. Complimenti dunque all’ammiraglio Ertreo, nella speranza che presto lo si possa avere presente a Varazze per testimoniare ancorau na volta il legame unico tra mare e territorio varazzino.

Commenti disabilitati

Gen 25 2017

Prendere il peggio e lasciare il buono..

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti

muro a secco a Varazze
Eh sì, perchè pare proprio che noi italiani, di questi tempi si ami prendere in uso abitudini e costumi dagli altri in peggio, dimenticando di acquisire quelli positivi.
Il riferimento va alle denunce che oramai quotidianamente chi opera nel settore della salute e del volontariato si porta a casa maari, dopo una giornata di duro e positivo lavoro.
LA nostra non è una difesa a priori. E’ però vero che medici, infermieri e soccorritori volontari delle pubbliche assistenze sempre più devono fare i conti con denunce che arrivano dai parnti del famigliari soccorsi. Il meccanismo è “semplice”: al minimo dubbio parte la denuncia, poi se tutto è ok….amici come prima!
Come negli USA, dove esiste un vero e proprio mercato legale specializzato in questo, la denuncia per presunte negligenze e tuttavia “semplice e immmediata: l’avvocato che non costa neppure troppo o si fa pagare sulla base dell’esito, e il minimo dubbio che l’intervento o il soccorso magari in strada di volontari che prestano il loro tempo agli altri non sia stato assolutamtne e tecnicamente perfetto.
L’obiettivo è duplice: creare pressione affinchè il paziente sia da quel momento necessariamente uper monitorato e quello di farci dei soldi per indennizzi intressanti.
E’ cinico. Se si pensa ad esempio, anche ai volontari del soccorso che vivono nel “terrore” della denuncia facile da parte di qualche parente, tutto diventa assurdo e contro producente. Gli operatori magari nel salvare una vita, si limitano a ciò che tecnicamente è inattaccabile proprio per non allargare i margini di rischio laddove il rischio è già elevato intrinsicamente (un infarto, una rianimazione, un’operazione chirurgica su persona molto anziana, ecc). Spesso in qesto modo si ottiene il risultato opposto: interventi e cure che rinunciano a operazioni “alla disperata” perchè se mai fallissero sarebbero occasione di contestazione tecnico legale.
Questo un fenomeno che in Italia, era sconosciuto fino a 20 anni fa e che abbiamo acquisito dagli Stati Uniti mentre altrove in Europa ha numeri molto meno alti Non c’è che dire: spesso riusciamo a prendere i comportamenti peggiori Non c’è pericolo invece che si acquisisca quelli virtuosi per un Paese dove l’individualismo el a certezza scientifica di essere mediamente più furbi degli altri e inestirpabile.

Commenti disabilitati

Gen 24 2017

Il mondo delle “problematicità”

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


C’erano una volta i problemi. Erano problemi e in quanto tali da risolvere. Però erano chiari, individuati e tutto sommato “semplici” nel modo in cui si ponevano davanti agli esseri umani, possibilmente per essere risolti. Andavano di pari passo con una burocrazia fatta anche di termini incomprensibili per dare maggiore risalto e importanza a chi li pronunciava. Poi la situazione è scappata di mano: sono comparse in tv e non solo, le “problematicità”.
Già perchè vuoi mettere parlare di banali “problemi” invece che di “problematicità”, una roba che nessuno sa bene cosa sia ma che suona bene…
Elogio dunque alla “problematicità” che rende importante e colto chi la pronuncia e morte al “problema”, parola troppo semplice che non da l’importanza sperata. Le soluzioni delle “problematicità” sono per altro sempre difficili e dunque se non arrivano la cosa diventa comprensibile.
Ecco allora perchè la “problematicità” ha un grande futuro sulla strade della spersonalizzazione e deresponsabilizzazione.

Commenti disabilitati

Gen 23 2017

Bilanci di Governo: fare la tara

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


Una delle cose più curiose delle Amministrazioni pubbliche locali in Italia al governo (in generale), è la tendenza ad elencare tutto ciò che è stato fatto come se l’alternativa non avrebbe fatto nulla. Mi spiego meglio. Un’Amministrazione uscente chiamamola Pallo, di solito, elenca giustamente le cose fatte: A,B, C,D, acquisendone i meriti a prescindere da ciò che si sarebbe realizzato se a governare fosse stato un’altro.

In realtà se a governare vi fosse stato Pinco anzichè Pallo non sappiamo cosa avrebbe fatto ma verosimilmente avrebbe fatto a sua volta A,B,F,G. In meglio? In peggio? Beh, ovvio che non lo si potrà mai sapere. Tuttavia ipotizzare che TUTTE le cose che ha fatto il Governo di Pallo NON si sarebbero fatto con il governo di Pinco o si sarebbero fatte peggio, è quanto meno avventato.

Ecco perchè all’elenco delle cose fatte che normalmente un governo della città presenta, va fatta inevitabilmente la “tara” chiedendosi “Altri governi possibili avrebbero fatto le stesse cose?” “Le avrebbero fatte meglio o peggio?”

Di certo anche il Governo Pinco avrebbe fatto delle cose perchè non è comunque ipotizzabile che possa stare fermo per 5 anni consecutivi per quanto costituito da “incapaci”. Ecco allora che verosimilmente le cose “obbligate” A,B sarebbero state fatte comunque (spesso perchè obbligatorie per legge) oppure legate a scadenze, obblighi, necessità non prorogabili. Ciò comporta porgere attenzione alle cose non “obbligate” (C,D,E,F) e per quelle occorrerà chiedersi se sono state le scelte giuste o se si potevano fare meglio.

Commenti disabilitati

Gen 19 2017

Metti le strisce pedonali

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


In questi giorni, dopo sinceramente anni di attesa, è in atto a Varazze la ridefinizione della segnaletica orizzontale (strisce bianche). Ottima notizia. La spesa è minima, ovvero circa 15.000 euro. Ben spesi perchè – come abbiamo sostenuto da tempo- seppure si tratti di solo vernice, la città appare immediatamente più bella e ordinata. Una spesa che oltre a dare maggiore sicurezza stradale, contribuisce all’immagine complessiva. Occorre tuttavia, anche chiedersi perchè si è dovuto aspettare tanto tempo per un’operazione che per costi e complessità poteva oggettivamente essere fatta molto, molto tempo prima.

Commenti disabilitati

Nov 20 2016

I furti a Casanova, cresce l’allarme

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


Furti in casa a Casanova, frazione di Varazze. E non solo purtroppo. Un dato costante che registra un’impunità quasi assoluta. Sono rari i casi nei quali si riesce a prendere questi specialisti delle razzie in case e villette isolate, e quando vengono presi – a meno che non siano plupregiudicati – 24 ore dopo sono a casa.
Questo in un contesto specifico difficile, perchè Varazze ha un territorio diviso in molte piccole frazioni, su una vasta area e nella zona centrale tantissime seconde case vuote, durante gran parte dell’anno. Alcuni mesi fa l’allarme di continui furti fu ad Alpicella, e ora è presa di mira Casanova. I Carabinieri sono oggettivamente pochi e devono controllare un territorio enorme: quasi impossibile prendere sul fatto questi razziatori di case e queste persone lo sanno benissimo. Sono specialisti dell’est Europa ma spesso anche italiani pendolari (o trasfertisti) della delinquenza. Alcuni mesi fa proponemmo su questi siti l’organizzazione di una rete Whatsapp tra residenti delle singole frazioni per controllare e informare di eventuali anomalie. Lo fanno in molte parti d’Italia e funziona molto bene. Altra cosa da fare è potenziare subito tutto il territorio e le frazioni con telecamere di controllo e una rete efficiente che renda quasi impossibile non essere “pizzicati” da immagini che immortalano visi e targhe. Ciò se realizzato e opportunatamente reclamizzato ha un potere dissuasore potentissimo e porta a delinquere in zone meno “pericolose”.
La proposta è di utilizzare il denaro previsto per il rifacimento di Piazza Dante (è importante ma certo non prioritario) per realizzare in tempi rapidi una rete comunale con frazioni di telecamere. Con un milione di euro (ne pioveranno comunque cento di fondi europei in Liguria) si può realizzare una smart city, ovvero una piattaforma digitale con risparmi energetici, servizi e una rete di telecontrollo capillare. Se si vuole, con una modifica di bilancio e una gara si può fare.

Commenti disabilitati

Set 11 2016

Zibba? Bravo. Ma la passeggiata (con la musica di Zibba in sottofondo) è impresentabile. O no?

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti



Buona musica ieri sera sul Molo del surf. Zibba è un ottimo musicista davvero. Discreto pubblico, anche se non c’era il pienone. Percorrendo la passeggiata di levante lo spettacolo è oggettivamente indecoroso. Evidente che aspettare la pioggia non è sufficiente. I piloni delle balaustre, per i padroni sono un luogo ottimale per i bisognini degli animali al guizaglio. Così i segnali di centinaia di passaggi dai cani sono evidenti, accumulandosi, e il degrado ancora di più e purtroppo non all’altezza di una città turistica che deve curare non solo il business, ma anche un decoro accettabile.
Per altro è tutta l’estate che è così. Lavare ogni tanto la passeggiata e obbligare a portarsi una bottiglietta d’acqua, è davvero così complicato?

Commenti disabilitati

Giu 28 2016

Turismo e incassi: quanto pesano le partite?

Pubblicato da archiviato in Approfondimenti


La sensazione che eventi sportivi come gli europei di calcio incidano negativamente sull’andamento della stagione estiva è reale. Nei luoghi non turistici la cosa è quasi indifferente ma in città come la nostra, dove ogni sera (sopratutto di bel tempo) conta molto in fatto di incassi e di equilibrio dei conti su base stagionale, il fatto che vi siano praticamente ogni sera partite, segna certamente un problema.
Alla fine di una manifestazione così lunga, credo che solo per una città come Varazze, gli incassi in meno si possano contare sull’ordine di centinaia di migliaia di euro, se non di più ancora.
Davvero un peccato se si pensa che poi il tutto è un baraccone gestito da gruppi d’affari che come la cronaca insegna, sono spessissimo farciti di corruzione, quella più sfacciata.
Dunque, un solo pensiero all’Islanda, squadra che spicca per serietà, voglia di giocare e spirito pugnante che sta insegnando un pò di sport a mocciosi arcimiliardari. Forse dovremmo imparare un pò tutti dai simpatici e bravi islandesi.

4 commenti

Pagina successiva »